L’ASCOLTO ..QUESTO SCONOSCIUTO

pregiudizio

“Parlare è un mezzo per esprimere se stessi agli altri, ascoltare è un mezzo per accogliere gli altri in se stessi.”

Wen Tzu, testo classico taoista

 

 

 

La comunicazione è sempre un processo a due vie: un dialogo tra una persona che parla e una che ascolta.

Senza ascolto, lo sappiamo bene,non c’è comunicazione.

Saper ascoltare è in tal senso una delle abilità più importanti nella vita di tutti i giorni, eppure sono in pochi a saperlo davvero fare.

Ascoltare vuol dire, sospendere le nostre attività per dedicarci totalmente ad un’altra persona spegnendo dunque il telefono , chiudendo il libro , il giornale e focalizzandoci solo sul nostro interlocutore .

Ascoltare vuol dire essere pienamente coinvolti, sospendere ogni forma di giudizio o di interpretazione, insomma una cosa tutt’altro che semplice e scontata come molti pensano!

Il più delle volte infatti distratti come siamo dai rumori dell’ambiente esterno e dal vocìo della nostra mente, sentiamo, ma non ascoltiamo attivamente. Pensiamo a come ribattere, ci parliamo dentro, presumiamo di aver compreso o addirittura anticipiamo le  idee  e pensieri dell’altro.

Ed ecco allora che sorgono fraintendimenti, malintesi, delusione e frustrazione.

Un buon ascolto è indispensabile per costruire rapporti solidi e duraturi sia di tipo professionale che personale .

Saper ascoltare è una qualità che richiede pratica, allenamento e costanza. É un’arte difficile, ma non impossibile  

Vediamo allora come correre ai ripari ..

Sviluppare empatia

Ascoltare non significa semplicemente aspettare il proprio turno per parlare, né stare in silenzio e annuire. Al contrario vuol dire essere attivamente in ascolto dei bisogni dell’altra persona, cercare di entrare nel mondo dell’altro, anche se non lo condividiamo.

E’ proprio questa l’empatia: la capacità di mettersi nei panni dell’altra persona

L’empatia si può coltivare … sforzandosi di ascoltare attentamente, identificandosi emotivamente, facendosi sentire vicini e mostrando il proprio genuino interesse per l’altro.

 

Non interrompere

 

vignetta

 

Una delle abitudini più diffuse è quella di interrompere il proprio interlocutore, un comportamento poco rispettoso oltre che estremamente fastidioso . Molti sono i motivi per cui tendiamo ad interrompere :

  • indagare su ciò che è accaduto (E tu perché non hai pensato di / fatto…?ma perché non hai invece..)
  • offrire soluzioni in base alla propria esperienza. (Sai cosa ho fatto quando è successo a me?)
  • ricorrere a frasi consolatorie generaliste che non tengono conto della specificità della situazione ( “Che cosa vuoi che sia …” ‘Vedrai che si risolve presto.’.)
  • esprimere giudizi personali su cosa sia accaduto. (Lo dico solo per il tuo bene ….” oppure “Secondo me devi/non devi …” Sai perché sei in questa situazione?).

 Per ascoltare attentamente, non bisogna avere fretta di arrivare a delle conclusioni e lasciare che l’altro si esprima liberamente .

Una conversazione non è unè  gara a chi dice le cose più giuste: occorre dunque mettere da parte il proprio ego e i propri bisogni personali come quello di parlare, di avere ragione o di farsi valere a tutti i costi… solo così la comunicazione può funzionare .

 

Fare domande di verifica

Per essere davvero sicuri di aver compreso quello che l’altro ci sta dicendo, possiamo chiedere «Se ho capito bene… stai dicendo che ..?» oppure: «Cosa intendi esattamente per?…» oppure: «Ti ho sentito dire che… puoi dirmi di più?»Ripetendo le stesse parole dell’interlocutore, senza aggiungere la nostra personale interpretazione ci avvicineremo al senso originale della comunicazione evitando fraintendimenti o interpretazioni .

Non giudicare

Molto spesso , ammettiamolo, tendiamo a giudicare quello che l’altro ci sta dicendo.( “Sai perché sei in questa situazione? Perché …” ) Quando qualcuno sta condividendo le proprie emozioni, positive o negative che siano, è essenziale riconoscergliele, anche e soprattutto quando dal nostro punto di vista non hanno senso. Solo così la persona si sente ascoltata e capita;

 

 

Non provare ad indovinare

Altra trappola in si cade molto spesso è quella di credere di sapere cosa pensa, cosa prova il nostro interlocutore. Ma siamo sicuri che la nostra interpretazione sia l’unica possibile e quella più giusta? In questi casi è opportuno chiedersi : su cosa è basato il mio ragionamento? Cosa mi fa pensare che…?Da cosa capisco che…?

 

 

 Insomma ,  ascoltare è  qualcosa che può davvero influenzare positivamente la vostra vita dunque ogni volta che parlate vale la pena applicare la vecchia regola che dice   “Prima cerca di capire, poi fatti capire”…!!!

 

Annunci